Il paradosso del debito pubblico

Il valore di questo mio appunto di economia è prettamente morale. Infatti non è mia intenzione parlare di complotti o fare il catastrofista. Con questo piccolo resoconto mi limito solo a riportare i fatti, da cui poi ognuno di noi può trarre le sue valutazioni.

Pressoché ogni Paese del mondo ha una banca di riferimento, detta centrale, che ha i due compiti principali di stampare la moneta corrente in quel Paese e di decidere il cosiddetto potere d’acquisto che la stessa moneta possiede. Ora, lo Stato, avendo bisogno di moneta circolante all’interno del sistema economico, chiede a questi istituti (che, è bene ricordare, sono PRIVATI) un vero e proprio prestito, non molto differente da quelli che nella pratica comune si richiedono per un mutuo (l’unica differenza è che i soldi prestati vengono stampati a costo praticamente nullo da tali istituti: vedi SIGNORAGGIO), o cose simili. Ovviamente la banca rivorrà indietro il prestito, gonfiato però da un interesse il cui tasso varia di statuto in statuto, deciso a tavolino dai consigli di amministrazione delle stesse banche. Lo Stato, ricevuto il prestito, rilascia i famosi titoli di Stato, obbligazioni a garanzia del rimborso del prestito ricevuto allo scadere del termine pattuito. Conseguenza logica di questa pratica è che, trovandosi lo Stato nella condizione di dover restituire un prestito gravato da interesse, DOVRA’ SEMPRE RESTITUIRE UNA CIFRA SUPERIORE A QUELLA EFFETTIVAMENTE RICEVUTA DALLA BANCA CENTRALE. Quindi, sarà sempre, perennemente, costantemente in debito con l’istituto bancario centrale.
Ecco il paradosso. Il debito pubblico, tanto demonizzato, è una costante essenziale del moderno sistema economico monetario; il fallito, il protestato, il povero, sono parte essenziale del sistema, poiché se per assurdo tutte le persone di un Paese riuscissero a saldare i propri debiti ed anche lo Stato riuscisse a fare altrettanto… non ci sarebbero più soldi in circolazione per pagare gli interessi.

Rapporto di indebitamento dei paesi del mondo: l’Italia è seconda solo al Botswana. Estratto dal Wiki sul Debito Pubblico… prego notare la cartina, quella righetta scura in mezzo al mediterraneo non è una sgommata di matita…


Per risolvere la crisi del sistema bancario e dell’eccesso di debiti non vi sono molte vie. Una è l’iperinflazione, che permetterebbe all’attuale oligarchia finanziaria di limitare i danni e di poter sperare non solo di rimanere in sella, ma di prosperare. Una seconda via è quella che si sta seguendo finora: si tratta di una versione aggiornata e corretta dell’esperienza giapponese. Essa consiste in continui aiuti al sistema bancario e in un graduale trasferimento allo Stato delle perdite accumulate dalle banche. Se si continuerà a seguire questa politica, la crisi durerà molto a lungo. La via largamente preferibile è invece la dichiarazione di fallimento del sistema finanziario con la creazione ex novo di banche chiamate a usare il risparmio per finanziare le attività produttive. In pratica si tratta di rovesciare le politiche degli ultimi anni, di abbandonare l’economia della carta straccia e ritornare a privilegiare l’economia produttiva, restituendo al sistema bancario il suo ruolo di servizio alle imprese e ai cittadini. Ma su questo obiettivo non vi è ancora consenso. Per questo motivo deve preoccupare l’improvvisa conversione alle politiche keynesiane del mondo politico: si tratta di uno specchietto per le allodole per evitare di affrontare la causa principale della crisi.

Estratto da Debito pubblico italiano e nuovi keynesiani

Piccola premessa a quanto segue: mentre in tutto il mondo civile il trilione equivale a 10 alla 18esima, in Francia e negli Stati Uniti equivale ad un 10 alla dodicesima, ciò significa che il trilione che viene così chiamato negli USA e in Francia è in realtà per noi un bilione, ovvero mille miliardi.
In pratica le unità USA e francesi si paragonano con il resto del mondo così:
Million Milione
Billion Miliardo
Trillion Bilione
Quadrillion Triliardo
Veniamo a noi con qualcosa di più pratico ora.
Perché questo interesse? Presto detto.
Un bilione di euro è quasi metà del nostro debito pubblico, ad oggi ( cresce di 90 mld all’anno ), mi sarebbe quindi piaciuto sapere esattamente quanto fosse in volume fisico, in area occupata.
Quindi quanti sono 1.000 miliardi di euro effettivamente?
Me lo sono chiesto quando ho scoperto che l’attuale debito pubblico degli U.S.A. è di $ 14.000.000.000.000 e quello Italiano di € 1.900.000.000.000 ( 14 bilioni e 1,9 bilioni ). Essendo i tagli delle banconote simili mi è bastata trovare l’esemplificazione della quantità in forma grafica per rendermi conto di quale marea di carta sia.

Questa è la traduzione all’articolo «What does one TRILLION dollars look like?» ( Com’è un BILIONE di dollari? ). Ci servirà per capire quanti sono quasi 2 mila miliardi di euro, il nostro debito pubblico.

Tutto questo parlare di “stimoli all’economia” e “salvataggi” …

Un miliardo di dollari …

Un centinaio di miliardi di dollari …

Ottocento miliardi di dollari …

Un bilione di dollari …

A che cosa assomiglia? Voglio dire, questi numeri enormi vengono gettati lì davanti a voi come fossero formaggi al mercato, così ho pensato bene di prendere Google Sketchup in versione di prova e cercare di ottenere un senso su che cosa esattamente sia un bilione di dollari.

Inizieremo con una banconota da $100, cento dollari. Attualmente il taglio comune più grande in circolazione negli Stati Uniti. Quasi tutti l’hanno visto, molti meno l’han posseduto, comunque garantiti per fare amicizia ovunque si vada.

$100

Un pacchetto di 100 biglietti da 100 dollari è inferiore a mezzo pollice ( ~1 cm ) di spessore e contiene 10.000 dollari. Si adatta facilmente in tasca ed è più che sufficiente per una o due settimane di divertimento vergognosamente decadente.

$10,000

Che ci crediate o no questa prossima piccola pila è $1 milione di dollari ( 100 pacchetti da $10.000 ). Si potrebbe infilare in un sacchetto dei generi alimentari e andarci in giro tranquillamente.

$1,000,000 ( un milione di dollari )

Mentre un misero milione dollari sembrava quasi insignificante, $100 milioni è un po’ più rispettabile. Si adatta perfettamente a qualsiasi pallet standard …

$100,000,000 ( cento milioni di dollari )

$1 miliardo di dollari … ora possiamo veramente andare dove vogliamo … [ ndt: gli americani e i francesi chiamano questo billion, bilione ]

$1,000,000,000 ( un miliardo di dollari )

Nella prossima immagine vedremo un bilione di dollari [ ndt: gli americani e i francesi chiamano questo trillion, ma non è il trilione per il resto del mondo, bensì il bilione ]. Questo è quel numero di cui abbiamo sentito tanto parlare. Che cosa è un bilione di dollari? Beh, è un milione di milioni. Si tratta di mille miliardi. É 1 seguito da 12 zeri.

Sei pronto per questo?

É piuttosto sorprendente.

Vai avanti …

Scorri verso il basso …

Signore e signori … io vi sto regalando 1 bilione di dollari

$1,000,000,000,000 ( un bilione di dollari )

Nota, i pallet sono impilati in doppio piano.
… e ricorda che quelle sono banconote da 100 dollari.

Così la prossima volta che sentite qualcuno che lancia intorno a voi la frase “bilione di dollari” … questo è quello di cui stanno parlando.

* Passo passo calcoli e dimensioni sono qui per coloro che sono interessati, in lingua originale.
* Potreste anche essere interessati a vedere il debito nazionale degli Stati Uniti in pezzi da $100, sempre in lingua originale.

Da notare l’altezza di un uomo medio, alla sinistra delle cataste di soldi. Un grande capannone di euro se pensiamo che questa è la metà del nostro debito pubblico.

Estratto da What does one TRILLION dollars look like?.

Prova a vedere anche questo sito, fatto molto bene e dettagliato: Bank Run: Euro Debt Crisis: Who Loaned the Money?

arrivederci… è stato bello

altre fonti, approfondimenti e risorse:
– Sapienza finanziaria: Italia: non la prossima ma l’attuale Argentina
( Interessantissimo articolo di rendicontazione, senza eccessivo catastrofismo )
– Genius Seculi: istruzioni per l’uso
– Schiavi del sistema: La grande frode del debito pubblico
– Wikipedia: Bilderberg Group
– Wikipedia: Giacinto Auriti
– Wikipedia: Wiki sul Debito Pubblico
– Wikio Debito pubblico italiano e nuovi keynesiani
– Page tutor: What does one TRILLION dollars look like? ( come è fatto un trilione di dollari [ in Inglese ] )
– Happy blog: come è fatto un trilione di dollari
– Wikipedia, giusto per chiudere in bellezza e capire quest’unità di misura: la wiki del Trilione

Se vuoi continuare ad approfondire sul tema, in quest’altro mio appunto fine dei giochi – ricomincia a giocare di agosto 2010 tendo invece ad essere un bel po’ più catastrofista…

Altri articoli in questo blog…

Disperatamente tutti contro i social

2017.01.09

Disperatamente tutti contro i social
Parlare dei problemi serve a capire, confrontarsi serve a conoscere le idee degli altri, perché nessuno qui è nato con le risposte, tantomeno con le soluzioni ...leggi ancora...

censura come metodo educativo

2016.11.14

censura come metodo educativo
Quando la censura viene utilizzata come metodo educativo, fa crescere dei sospetti, perché all'orizzonte appare l'ombra del dogma. Se è vero che la scienza si pone continuamente domande, invero la religione ha già tutte le risposte. ...leggi ancora...

Civiltà possibili: Equazione di Drake

2016.09.19

Civiltà possibili: Equazione di Drake
Quante civiltà potrebbero essersi evolute nella nostra Galassia? Ottimisti e pessimisti a confronto. ...leggi ancora...

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]

2016.07.22

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]
Molti dei ragionamenti che sento avvinghiarsi nei discorsi da bar e da social, sulla politica cittadina, si riassumono spesso con: "tutti i politici sono dei ladri!", "quelli della minoranza non propongono mai nulla! ...leggi ancora...

Foresta e albero: il perché li odiamo non si sa

2016.06.01

Circa 5.000 anni fa, avessimo avuto satelliti puntati sul nostro pianeta, qualunque punto avessimo guardato sarebbe stato prevalentemente verde, esclusi i poli, deserti, ghiacciai e rocce odierni compresi.
Ariminum - Rimini - così A Rimirare il mare - era ricoperta di alberi fino quasi ad Arcione, luogo meraviglioso finalmente sgombro da fusti alti e foresta impenetrabile, adatto a far riposare i cavalli - Disarcione - Riccione - luogo di sabbie perenni e non ancora adatto alla crescita di fitte foreste ma solo di Pini Marittimi. ...leggi ancora...

Homo Sapiens

2015.09.19

Homo Sapiens
Quando poi questi homo sapiens cresceranno, ditegli pure che qui non li volete e che devono restare là, a casa loro. Là, dove ti scannano se ti rifiuti di cedere la tua terra, per la nuova miniera da cui si estraggono minerali rari ma necessari a costruire gli iPad, i Nokia o i Samsung fighi che volete a Natale. Là, dove manca l'acqua e quindi anche l'agricoltura, ma dove c'è il petrolio per la tua auto e tutta la tua plastica. ...leggi ancora...

Casa DIY: fatevela da soli!

2015.08.03

Casa DIY: fatevela da soli!
Una casa DIY [Do It Yourself, letteralmente "Fattela da Solo"] è un progetto che consente di acquisire conoscenza di base per auto-costruirsi una casa modulare, espandibile, pronta per l'uso dopo la coibentazione e l'arredo. Esistono diverse soluzioni di questo tipo per costruirsi una casa in modo più o meno impegnativo, ma quando tanti anni fa sono capitato su questa pagina, ho scoperto un architetto molto geniale, che ha abbinato vecchia consapevolezza a nuova tecnologia e un pizzico di genio misto ad ironia. Basti sapere che i disegni originali del progetto - passo dopo passo [1,2,3,4,5,6] - sono fatti a mano come fumetti e comprendono persino i costi delle viti. ...leggi ancora...

Momento

2015.04.04

Momento
C'è quel momento nella vita. Arriva prima o poi. Non sai cos'è, perché, né da dove viene. ...leggi ancora...

Risposte a Legambiente

2014.09.29

Risposte a Legambiente
Durante l'incontro con la candidata presidente dell'Emilia Romagna, Giulia Gibertoni, avvenuto a Bologna sabato scorso 27 settembre, è stato chiesto a tutti i candidati con esperienze ambientali di offrire una serie di risposte, articolate e puntuali, sui temi di ambiente e territorio, in modo da fornire a Legambiente gli elementi necessari per comprendere le intenzioni del MoVimento 5 Stelle sul programma della Regione Emilia-Romagna. La lettera era destinata a tutti i gruppi candidati alle regionali dell'Emilia-Romagna del prossimo 23 novembre. Mi sono attivato subito e questo è il risultato che ho poi inviato a Giulia Gibertoni. ...leggi ancora...

Le Biomasse sono sicure?

2014.09.27

Le Biomasse sono sicure?
A proposito degli impianti a biomasse: "Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma" Partendo non si sa da dove nella legge di conservazione della massa e travisando per intero il principio di Lavoisier appena citato, la normativa vorrebbe che gli impianti a biomasse non generassero assolutamente particolato [PM] o biossido [NO2]. MA CIÒ È SCIENTIFICAMENTE IMPOSSIBILE. ...leggi ancora...

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia

2014.09.26

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia
Introduzione Nella letteratura scientifica internazionale si osserva un crescente interesse all'inquinamento dell'aria indotto dall'uso energetico di biomasse. Se nel biennio 1994-96 risultavano pubblicati solo 9 articoli con queste parole chiave, nel biennio 2004-2006 le pubblicazioni risultavano essere 101 e dal 2007 ad oggi gli articoli pubblicati che trattano questi argomenti sono già 131. Questo fatto è sicuramente legato al crescente interesse nell'uso di biomasse a scopo energetico, tradizionale nei paesi in via di sviluppo, ma in rapida crescita anche in paesi sviluppati (Svezia, Canada, Australia.. ...leggi ancora...

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista

2014.09.25

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista
Diamo uno sguardo alla campagna elettorale per le primarie. Il candidato “alternativo” della sinistra per le elezioni 2014 della regione ER, usa l’inceneritore e l'ambiente come leva per la campagna elettorale. Ma non è una sorpresa per nessuno. ...leggi ancora...

La candidatura

2014.09.15

La candidatura
Ho appena finito di caricare il video su youtube. Il testo l'ho pensato ieri sera, un amico fidato [che ringrazio] lo ha espanso questa mattina, poi ho cooptato un altro amico al volo [che ringrazio] per il cavalletto video a cui abbiamo montato il telefono e il microfono "prolungato" che ho saldato ieri sera riciclando delle vecchie cuffie per telefono, infine nel pomeriggio ho provveduto a montare il video con le slide con il mio fidato computer... ed ecco il risultato. ...leggi ancora...

Piano Regionale Rifiuti 2014-2020

2014.09.15

Presentazione del Piano Regionale Rifiuti della regione Emilia Romagna 2014-2020
Presentazione del Piano Regionale Rifiuti 2014-2020 della regione Emilia Romagna con Alberto Bellini, Michele Morri, Domenica Spinelli, Stefano Monti. ...leggi ancora...

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]

2014.09.14

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]
Incenerire conviene ancora? A quante pare in Italia ancora si. Ma come mai in Italia conviene ancora costruirli mentre all'estero li dismettono? ...leggi ancora...

Un singolo essere umano non fa il cambiamento

2014.07.30

Un singolo essere umano non fa il cambiamento
Non possiamo ‪‎cambiare‬ il ‪‎mondo‬, possiamo cambiare il nostro posto al mondo. È la quantità di persone che cambiano a definire che il mondo è diverso. Un singolo essere umano non fa il cambiamento, lo avvia solamente. ...leggi ancora...

Siete sporchi se vi serve l’avvallo dell’opinione pubblica

2014.07.25

Siete sporchi se vi serve l’avvallo dell’opinione pubblica
Negli anni ho imparato a non fidarmi delle immagini, perché è facile manipolarle, perché l'11 settembre 2001, perché Saddam e le armi chimiche di distruzione di massa, perché Guantanamo e le sevizie ai carcerati, perché Hiroshima e Nagasaki, perché ci raccontavano che l'olocausto non esisteva e ancora per molti non è mai stato vero, perché ci sono altri 500 motivi come questi, tipo il Boeing che sorvolava l'Ucraina e che incredibilmente ancora non è chiaro come sia caduto, così ancora immagini strazianti di guerra in Africa: Siria, Israele e Palestina dove i più coinvolti sono i bambini ed i civili. Mi chiedo perché devono mostrarci queste foto e quell'indignazione. ...leggi ancora...

una fetida marmaglia

2013.11.14

una fetida marmaglia
- ekko kazzo, hanno kiuso il cocco, adesso dove troviamo la roba, diokane! - dai! non t'abbattere ke ciarrimediamo kosì: ...leggi ancora...

5 pensieri su “Il paradosso del debito pubblico

  1. Pingback: cartella» Blog Archive » Il nostro futuro

  2. Pingback: cartella» Blog Archive » una piccola soddisfazione politica – denuncia per responsabilità dell’attuale collasso economico.

  3. Pingback: Il nostro futuro • cartella di Stefano Monti

Rispondi