uomini e donne

Tolte certe donne e tolti certi uomini, che per forza di cose sono l’eccesso ed è giusto che ‘eccezionino’ per confermare la regola, siamo fondamentalmente uguali, identici in tutto e per tutto.

Mentre qualcuno asserisce che nelle donne vi siano migliori qualità e che la bilancia penda da una parte, io mi chiedo su quali presupposti si basino queste certezze. Prendiamo la sensibilità, si dice che la donna sia più sensibile, ma allora, mi spiegheresti come mai se è la donna la parte più sensibile dell’insieme, a corteggiare sono gli uomini? Se fosse vera la teoria della maggior sensibilità delle donne, questo corteggiamento avverrebbe in pari proporzioni o comunque dovrebbe essere la donna ad avere più armi al suo fianco per irretire l’uomo, più sentimenti, giusto?
Invece la verità è che la donna non sa ‘usarli’ al momento giusto, si può quasi dire che ne sia in preda, in panico da abuso.
Prendiamo ad esempio i blog femminili…i migliori e più frequentati sono tutti tenuti/amministrati/moderati da uomini. Che sensibilità 🙂

La prova è nel tuo animo, lo sai, ma fai di tutto per nasconderlo. Perché?

Semplice. L’uomo, pur avendo di suo la stessa innata sensibilità che viene addebitata più alla parte femminile di questa umanità, ha purtroppo imparato nella sua crescita che perderebbe di virilità, quindi di valore, se rendesse pubblico il proprio lato sensibile, mentre alla donna è stato insegnato quale vantaggio ottiene a non avere questo freno inibitorio. Da questo nessuno di noi si può esimere dal dimostrare quella parte di sentimento, neppure volendo.
In pratica la donna ha una più accentata sensibilità fisica, mentre l’uomo è maggiormente votato ad una sensibilità celebrale.
Il risultato è che l’uomo che ama ci mette cuore e cervello, lasciando il resto del corpo pronto all’azione, la donna tutto il suo corpo lasciando il cervello a definire i vantaggi che ne potrebbe recepire.
Una questione di selezione naturale che ha permesso lo sviluppo sociale sino ad oggi. Il mestiere più antico del mondo è una prova lampante di questa predisposizione femminile, altro che sensibilità, è puro interesse. Idem l’uomo che, con la sua identica spietatezza di sentimenti, al pari della donna anche in questa circostanza, ne approfitta.

La spietatezza dell’uomo davanti alle vicende della vita viene insegnata dalle madri e dai padri ai piccoli uomini sensibili sin dalla nascita. L’uomo deve avere iniziativa, la forza con cui si caccia o si corteggia, la forza che manda avanti, mentre la donna deve curare i risultati di questa iniziativa, le ferite, l’altra forza che consente di andare avanti. Nello stesso modo questa forza dei sentimenti viene insegnata alle piccole donne dai padri e dalle madri.
Questo è un fattore che non si può eliminare e lo vedi solo negli uomini che non hanno avuto queste ‘cure’ parentali.
Ricordi le ferite al ginocchio curate da tua madre?
Immagina il maschietto, “Dai ometto, cosa vuoi che sia, è un graffietto, ma che uomo sei? Forza!” e adesso cerca di ricordare una bambina che sia sia fatta male “Povera piccola, oddio che spavento, come stai? fa male? ohh, sì piano piano…”. Un imprinting votato al sentimento più puro e un altro votato al fine. Certo, se la madre o il padre in queste occasioni tendono ad invertire le parti o a non differenziare i comportamenti, tireranno su dei figli diversi a seconda del caso, ma la tendenza maggiore è quella qui descritta.

Non a caso la filosofia, la parte sensibile della scienza, è un pensiero astratto presente per l’uomo, negato alla maggior parte delle donne. Ma non perché le femmine non ne siano capaci, bensì perché proprio fuori dal loro interesse. La filosofia, quella scienza pura che non si deve vendere ad una diagnosi, ad un estratto o resoconto come devono fare tutte le altre scienze.

La maggiore sensibilità delle donne è la tendenza a “mostrare i sentimenti”, mentre l’uomo li prova e li deve far provare nascondendoli allo stesso tempo al mondo che lo circonda. In ogni caso la questione di “mostrare i sentimenti” pare non essere particolarmente invidiata dai maschi per logica e coerenza con quanto scritto sino ad ora.
Nell’uomo inoltre c’è quel tipo di paura ad esporsi nella sfera sentimentale, nell’eccezione più larga del termine, come se si trattenesse per non essere preda del sesso femminile, l’esitazione nell’esporre i propri stati d’animo. Una bella corazza per non essere deriso, o peggio ancora divenire preda del pensiero che una donna se ne possa approffittare.
Così facendo si perdono il meglio, quello che una donna può dare avendo un riscontro da parte di un uomo in questo senso, è straordinariamente stupendo, ma ormai il danno maggiore è fatto e la società ci ha divisi e lo farà ancora per molto, soprattutto con gli stereotipi di oggi che definiscono le donne come oche maltrattabili e gli uomini narcisi e beceri senza cuore.
Certamente, non si può fare di tutta l’erba un fascio, ma nella maggior parte dei casi è magnifico potersi confrontare aprendosi completamente. Conviene perdere tempo, da entrambe le parti, per approfondire questa opportunità.

Quindi, stop con la baggianata che uomini e donne sono diversi!
Quando vedo aghi che fanno spostare la bilancia verso uno dei due sessi mi viene sempre da ridere, se penso poi che fino al 3 mese dal concepimento siamo entrambe uguali, se penso che siamo fondamentalmente identici in tutto e per tutto, se si esclude la forma fisica e qualche coercizione sociale, oltre alle peculiarità di ognuno di noi, non ci sono differenze tali da dire che io non sia in grado di stirare, o che una donna non sia in grado di smontare un motore. Idem vale per le sensazioni e i sentimenti che sappiamo o meno mostrare, in realtà li sappiamo usare benissimo e qualche volta nel momento e ‘modo giusto’, o perlomeno come ci ha insegnato la società che questi comportamenti siano adatti a quell’istante.

Sono le spinte che vengono da dentro a darci un motivo, quindi a scegliere in ogni momento chi siamo e cosa siamo.

Altri articoli in questo blog…

Disperatamente tutti contro i social

2017.01.09

Disperatamente tutti contro i social
Parlare dei problemi serve a capire, confrontarsi serve a conoscere le idee degli altri, perché nessuno qui è nato con le risposte, tantomeno con le soluzioni ...leggi ancora...

censura come metodo educativo

2016.11.14

censura come metodo educativo
Quando la censura viene utilizzata come metodo educativo, fa crescere dei sospetti, perché all'orizzonte appare l'ombra del dogma. Se è vero che la scienza si pone continuamente domande, invero la religione ha già tutte le risposte. ...leggi ancora...

Civiltà possibili: Equazione di Drake

2016.09.19

Civiltà possibili: Equazione di Drake
Quante civiltà potrebbero essersi evolute nella nostra Galassia? Ottimisti e pessimisti a confronto. ...leggi ancora...

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]

2016.07.22

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]
Molti dei ragionamenti che sento avvinghiarsi nei discorsi da bar e da social, sulla politica cittadina, si riassumono spesso con: "tutti i politici sono dei ladri!", "quelli della minoranza non propongono mai nulla! ...leggi ancora...

Foresta e albero: il perché li odiamo non si sa

2016.06.01

Circa 5.000 anni fa, avessimo avuto satelliti puntati sul nostro pianeta, qualunque punto avessimo guardato sarebbe stato prevalentemente verde, esclusi i poli, deserti, ghiacciai e rocce odierni compresi.
Ariminum - Rimini - così A Rimirare il mare - era ricoperta di alberi fino quasi ad Arcione, luogo meraviglioso finalmente sgombro da fusti alti e foresta impenetrabile, adatto a far riposare i cavalli - Disarcione - Riccione - luogo di sabbie perenni e non ancora adatto alla crescita di fitte foreste ma solo di Pini Marittimi. ...leggi ancora...

Homo Sapiens

2015.09.19

Homo Sapiens
Quando poi questi homo sapiens cresceranno, ditegli pure che qui non li volete e che devono restare là, a casa loro. Là, dove ti scannano se ti rifiuti di cedere la tua terra, per la nuova miniera da cui si estraggono minerali rari ma necessari a costruire gli iPad, i Nokia o i Samsung fighi che volete a Natale. Là, dove manca l'acqua e quindi anche l'agricoltura, ma dove c'è il petrolio per la tua auto e tutta la tua plastica. ...leggi ancora...

Casa DIY: fatevela da soli!

2015.08.03

Casa DIY: fatevela da soli!
Una casa DIY [Do It Yourself, letteralmente "Fattela da Solo"] è un progetto che consente di acquisire conoscenza di base per auto-costruirsi una casa modulare, espandibile, pronta per l'uso dopo la coibentazione e l'arredo. Esistono diverse soluzioni di questo tipo per costruirsi una casa in modo più o meno impegnativo, ma quando tanti anni fa sono capitato su questa pagina, ho scoperto un architetto molto geniale, che ha abbinato vecchia consapevolezza a nuova tecnologia e un pizzico di genio misto ad ironia. Basti sapere che i disegni originali del progetto - passo dopo passo [1,2,3,4,5,6] - sono fatti a mano come fumetti e comprendono persino i costi delle viti. ...leggi ancora...

Momento

2015.04.04

Momento
C'è quel momento nella vita. Arriva prima o poi. Non sai cos'è, perché, né da dove viene. ...leggi ancora...

Risposte a Legambiente

2014.09.29

Risposte a Legambiente
Durante l'incontro con la candidata presidente dell'Emilia Romagna, Giulia Gibertoni, avvenuto a Bologna sabato scorso 27 settembre, è stato chiesto a tutti i candidati con esperienze ambientali di offrire una serie di risposte, articolate e puntuali, sui temi di ambiente e territorio, in modo da fornire a Legambiente gli elementi necessari per comprendere le intenzioni del MoVimento 5 Stelle sul programma della Regione Emilia-Romagna. La lettera era destinata a tutti i gruppi candidati alle regionali dell'Emilia-Romagna del prossimo 23 novembre. Mi sono attivato subito e questo è il risultato che ho poi inviato a Giulia Gibertoni. ...leggi ancora...

Le Biomasse sono sicure?

2014.09.27

Le Biomasse sono sicure?
A proposito degli impianti a biomasse: "Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma" Partendo non si sa da dove nella legge di conservazione della massa e travisando per intero il principio di Lavoisier appena citato, la normativa vorrebbe che gli impianti a biomasse non generassero assolutamente particolato [PM] o biossido [NO2]. MA CIÒ È SCIENTIFICAMENTE IMPOSSIBILE. ...leggi ancora...

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia

2014.09.26

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia
Introduzione Nella letteratura scientifica internazionale si osserva un crescente interesse all'inquinamento dell'aria indotto dall'uso energetico di biomasse. Se nel biennio 1994-96 risultavano pubblicati solo 9 articoli con queste parole chiave, nel biennio 2004-2006 le pubblicazioni risultavano essere 101 e dal 2007 ad oggi gli articoli pubblicati che trattano questi argomenti sono già 131. Questo fatto è sicuramente legato al crescente interesse nell'uso di biomasse a scopo energetico, tradizionale nei paesi in via di sviluppo, ma in rapida crescita anche in paesi sviluppati (Svezia, Canada, Australia.. ...leggi ancora...

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista

2014.09.25

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista
Diamo uno sguardo alla campagna elettorale per le primarie. Il candidato “alternativo” della sinistra per le elezioni 2014 della regione ER, usa l’inceneritore e l'ambiente come leva per la campagna elettorale. Ma non è una sorpresa per nessuno. ...leggi ancora...

La candidatura

2014.09.15

La candidatura
Ho appena finito di caricare il video su youtube. Il testo l'ho pensato ieri sera, un amico fidato [che ringrazio] lo ha espanso questa mattina, poi ho cooptato un altro amico al volo [che ringrazio] per il cavalletto video a cui abbiamo montato il telefono e il microfono "prolungato" che ho saldato ieri sera riciclando delle vecchie cuffie per telefono, infine nel pomeriggio ho provveduto a montare il video con le slide con il mio fidato computer... ed ecco il risultato. ...leggi ancora...

Piano Regionale Rifiuti 2014-2020

2014.09.15

Presentazione del Piano Regionale Rifiuti della regione Emilia Romagna 2014-2020
Presentazione del Piano Regionale Rifiuti 2014-2020 della regione Emilia Romagna con Alberto Bellini, Michele Morri, Domenica Spinelli, Stefano Monti. ...leggi ancora...

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]

2014.09.14

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]
Incenerire conviene ancora? A quante pare in Italia ancora si. Ma come mai in Italia conviene ancora costruirli mentre all'estero li dismettono? ...leggi ancora...

Un singolo essere umano non fa il cambiamento

2014.07.30

Un singolo essere umano non fa il cambiamento
Non possiamo ‪‎cambiare‬ il ‪‎mondo‬, possiamo cambiare il nostro posto al mondo. È la quantità di persone che cambiano a definire che il mondo è diverso. Un singolo essere umano non fa il cambiamento, lo avvia solamente. ...leggi ancora...

Siete sporchi se vi serve l’avvallo dell’opinione pubblica

2014.07.25

Siete sporchi se vi serve l’avvallo dell’opinione pubblica
Negli anni ho imparato a non fidarmi delle immagini, perché è facile manipolarle, perché l'11 settembre 2001, perché Saddam e le armi chimiche di distruzione di massa, perché Guantanamo e le sevizie ai carcerati, perché Hiroshima e Nagasaki, perché ci raccontavano che l'olocausto non esisteva e ancora per molti non è mai stato vero, perché ci sono altri 500 motivi come questi, tipo il Boeing che sorvolava l'Ucraina e che incredibilmente ancora non è chiaro come sia caduto, così ancora immagini strazianti di guerra in Africa: Siria, Israele e Palestina dove i più coinvolti sono i bambini ed i civili. Mi chiedo perché devono mostrarci queste foto e quell'indignazione. ...leggi ancora...

una fetida marmaglia

2013.11.14

una fetida marmaglia
- ekko kazzo, hanno kiuso il cocco, adesso dove troviamo la roba, diokane! - dai! non t'abbattere ke ciarrimediamo kosì: ...leggi ancora...

Un pensiero su “uomini e donne

  1. dunque io in quanto madre mi ritroverò sicuramente a sbagliare tanto quanto e più degli altri. Ma a proposito di ciò che leggo in questa nota mi viene da fare una riflessione. Io se voglio tentare di crescere un uomo vero farò giusto il contrario. Non gli insegnerò mai a soffocare le emozioni e i sentimenti per difendere la sua virilità/ mascolinità perchè so benissimo che il suo lato sensibile sarà proprio quello che lo porterà verso sofferenze e delusioni certe e che queste ultime sono proprio quelle che rafforzeranno il suo carattere e gli formeranno una propria identità e personalità.
    E’ la forza quella che mi preme che lui abbia, quella che lo aiuterà ad affrontare la vita sempre a testa alta! Perchè quando sei sensibile ma forte piangerai e soffrirai ma ti rialzerai SEMPRE…
    Se io gli insegno a nascondere i sentimenti, lo rendo insensibile e debole, incapace di affrontare le difficoltà e sono sicura che me lo ritroverò sempre in un angolo aggressivo egocentrico rabbioso e soffocato a macerarsi dentro…..
    E se poi lui è un vulcano di ricchezze e di meraviglie?
    Avrei fatto un danno non solo a lui ma alla società…..
    sono stupende queste note… perchè ci aiutano a interrogarci sui comportamenti giusti da assumere nel ruolo di genitori…. e speriamo non solo 🙂

Rispondi