se non ti avessi amato

Stima profonda
carico e ricco
amo tutto il tuo io
ogni dote che presenti io condivido
qualunque gesto benevolo del cuore
si riflette sempre nel tuo animo
che non ha mai tradito.
Lealtà e rispetto dimostri sempre
in ogni fatto, con ogni persona.
Ho tanta fiducia
scommetterei il cuore
in mano tua senza esitazioni
in realtà c’è già e ancora
forse l’ho già perso.

Se non t’avessi conosciuta?
Se ignorata fosse la tua esistenza
ora non sobbalzerei ad ogni tuo passo
non cercherei la tigre dei tuoi occhi
non a quel modo
non godrei della tua essenza
non potrei vedere il mio specchio.
La risata, sí, la tua risata
che mi rapisce
quella felice e sincera
quando si apre il cielo
dove una mano di nuvole scende
mi cattura e mi scaraventa lontano
nel vuoto, per poi atterrarti accanto.
Mi scioglie di gioia
rende tutto evanescente
fino al suo durare e dopo nella mia memoria.

Quel tuo viso così
meraviglia non avrei mai conosciuto
dentro e fuori il tuo io
prese le parti una ad una e già preziose
insieme in te rendono immensamente
una persona speciale, insuperabile
non avrei mai potuto conoscere.
La tua voce
il tuo tono felice
quello arrabbiato
quel suono
dona serenità
dalla prima nota
nonostante le parole.
Dove sarebbe posata adesso la mia mente?
Che vita tetra sarebbe?
Ma non lo potrei sapere.

Ho bisogno di te
come il mare dell’acqua
ieri morivo prosciugato
oggi sei qui
evaporo felice
l’arsura in me regnava
adesso affogo
nuota e ride nuovamente il mio cuore.

Come è stato possibile vivere sino ad oggi
senza saperti esistere?
Un lungo cammino
ora tra fauste felicità
ora gioie immonde
ora caute allegrie
ora vuoti gaudiosi
nulla ha più senso mia amata
il mio passato un confuso vissuto
il presente difficile da affrontare
forse per questo non ho mai dipinto
nessuno meritava ritratti
niente era eccezionale
ora pare così.

Se non avessi mai saputo che sei
ora vivrei
felice, adesso, stravivo
riempio ogni frammento della mia giornata
con i tuoi dettagli
mai avuti tanti minuti
tra uno e l’altro un’altro ancora.

L’incredibile caso dei destini
che inanellano vicende
luoghi
vite
fino a questo
come potevo sperare
non sapendone l’esistenza
ora lo so
è molto più difficile.

Se non t’avessi intorno potrei vivere
qui gestisco a malapena i pensieri
ogni tanto emergo all’aria
inevitabilmente affogo
devo aggrapparmi per non cedere
a cosa non so, ma non ho fretta.

Se non ti avessi dentro
non suderei da freddo
sarei libero da queste catene
ma imprigionato tra muri
in attesa della tempesta
che libera il cammino
attenderei lo sfrondare dei rami
con i miei amici alberi e i fiori
a sudare distillato di cuore
senza compagnia di tigri e colibrì.

Poi improvvisamente succede, riesco
torno al mio vivere
rientro in me stesso
perché pare giusto così
che comprimersi e schiacciarsi
prima di trovarmi su macerie e vetri rotti
resta il mio cuore
appeso al vuoto
ad asciugare fino al secco
solo, difficile
insolente vita mi prendo la rivincita
amo e ti prendo in parola
lascio la mano che non stringe
magari mi scopro stupido
eppure non mi pentirò
semplicemente non rinuncio
come se non ti avessi mai desiderato.

Di nuovo, daccapo ti amerò
affogare non è così male
morire sarebbe insensato
né soffrire di un bene immenso
sapere che esisti diventa parte della mia vita
il mio mondo resta il tuo regno
tutto questo è ancora tuo.
Potrei odiarti
sarebbe il più grande odio mai provato
devo provarlo con me stesso
tu meriti solo valori.

Impossibile quindi sfuggire
non avrei conosciuto il sentimento
se non ti avessi amato

Rispondi