Piano Regionale Rifiuti 2014-2020

Il 15 maggio 2014 è stato presentato ai cittadini presenti il Piano Regionale Rifiuti 2014-2020 della regione Emilia Romagna, al Palazzo del Turismo di Riccione.

Durante la serata sono stati sviluppati gli argomenti dell’illustrazione del piano, secondo concetti di sostenibilità, elaborando alcuni risvolti inseritivi al suo interno e soprattutto delle alternative possibili.

Ciò è stato possibile grazie ai 4 relatori con specificità di conoscenze nell’ambito dell’ambiente e della salute del territorio, ma soprattutto grazie alla presenza dei tanti cittadini ed amministratori del territorio intervenuti. Questi ultimi curiosi e instancabili hanno seguito con attenzione tutto l’excursus di dati e presentato domande molto interessanti rispetto a quanto scaturito nella serata.

Presentazione ed analisi con proposte alternative del Piano Regionale Rifiuti della regione Emilia Romagna. I relatori presenti;

Partendo dal presupposto che i nostri rifiuti sono una risorsa economica e una ricchezza non indifferente, che trattarli e maneggiarli è fonte di grandi responsabilità da cui dipende la nostra salute e benessere, nasce questo evento divulgativo, che ha come prerogativa l’informare i cittadini di quali scelte siano state adottate in campo ambientale ed economico dalla regione Emilia Romagna con il Piano Regionale dei Rifiuti, di valutare alternative efficienti, di conoscere i punti critici dell’ambiente nel nostro territorio.

Qui di seguito il video, che include tutta la serata di circa 2.5 ore. Gli interventi sono stati eseguiti nella sequenza: Alberto Bellini, Domenica Spinelli, Michele Morri, Stefano Monti. Alla fine della presentazione è stato lasciato spazio alle domande del pubblico rivolte ai relatori.

 

 

Per chi vuole documentarsi sul Piano Regionale Rifiuti 2014-2020 dell’Emilia Romagna, esiste la possibilità di ottenere una copia del documento in PDF accessibile a questo indirizzo.
È un documento di circa 300 pagine, molto ben corredato di grafici ed analisi statistiche fornite da ARPA ed HERA, su cui è possibile confrontare gli esisti di questa presentazione.

Rispondi