il contratto

Io sottoscritto/a, nome e cognome, accetto con la formula del tacito assenso e della collaborazione i seguenti punti:

  1. Accetto la competitività come base del nostro sistema, anche se sono cosciente del fatto che questo funzionamento genera frustrazione e rabbia alla immensa maggioranza di perdenti.
  2. Accetto che mi umilino o mi sfruttino, a patto che mi si permetta di umiliare o sfruttare colui che occupa un posto inferiore al mio nella piramide sociale.
  3. Accetto la esclusione sociale degli emarginati, dei disadattati e dei deboli, perché credo che la società possa prendersi carico di un numero limitato di benestanti.
  4. Accetto di remunerare le banche affinché esse investano i miei risparmi come meglio credono, senza che dividano nulla dei loro immensi profitti con me, profitti che serviranno per attaccare paesi poveri, altra cosa che accetto implicitamente. Accetto quindi anche un salato interesse sui prestiti di denaro che ricevo, denaro che dovrebbe provenire esclusivamente dai depositi degli altri clienti, anche se so non è così a causa della riserva frazionaria.
  5. Accetto che le grandi banche centrali private, B.C.E. e F.E.D. in primis oltre alle grandi società bancaria e finanziarie JP Morgan e Goldman Sachs in secundis, prestino con interessi tutto il denaro esistente e nego la sostituzione dell’attuale sistema in quanto credo sia un’utopia.
  6. Accetto che si congelino o si buttino tonnellate di derrate alimentari per mantenere stabile il mercato, invece di offrirle a chi le necessita ed evitare così la morte per stenti di 50.000.000 di persone ogni anno.
  7. Accetto che sia illegale l’eutanasia, mentre tollero di uccidermi lentamente inalando o ingerendo sostanze tossiche autorizzate dai governi.
  8. Accetto che si faccia la guerra affinché regni la pace.
  9. Accetto che in nome della pace la prima spesa degli stati sia la difesa. Quindi accetto che i conflitti siano creati artificiosamente per poter svuotare gli arsenali e permettere che l’economia mondiale segua avanzando. Questo ben sapendo che non si può fare la pace e la guerra contemporaneamente.
  10. Accetto l’egemonia del petrolio nella nostra economia, anche se è una energia molto costosa e inquinante e sono d’accordo con impedire qualunque intento di sostituzione, anche se questa nuova fonte energetica si svelasse gratuita ed illimitata, perché accetto di credere che questa sarebbe la nostra perdizione.
  11. Accetto che si condanni l’assassinio, salvo il caso in cui i governi lo indichino come un nemico e mi incitino ad ucciderlo.
  12. Accetto che si divida l’opinione pubblica creando partiti di fazioni diverse, i quali debbano avere come unico passatempo il litigio, facendomi credere che il sistema stia avanzando, perché in realtà io stesso non ho ideali da difendere. Inoltre accetto ogni classe di divisione possibile e che mi si educhi a focalizzare la mia collera su nemici designati dallo sventolio delle loro effigie davanti ai miei occhi.
  13. Accetto il potere di fabbricare l’opinione pubblica, una volta esclusivo delle religioni, adesso nelle mani di uomini d’affari, non eletti democraticamente, che possono essere liberi di controllare gli Stati, in quanto sono convinto che sia cosa buona.
  14. Accetto che l’idea di felicità si riduca alla comodità, all’amore, al sesso e alla libertà di soddisfazione di ogni capriccio, perché è quanto mi ripete la pubblicità quotidianamente. Quanto più infelice sono, tanto più consumo. Svolgerò bene il mio ruolo per il buon funzionamento della nostra economia.
  15. Accetto che il valore di una persona sia proporzionale al suo conto in banca, che s’apprezzi la sua utilità in funzione della produttività e non delle sue qualità e che sia escluso dal sistema se non produce sufficientemente.
  16. Accetto che si ricompensino incredibilmente bene calciatori ed attori e che si diano quattro spiccioli a professori e medici preposti alla educazione ed alla salvaguardia della salubrità delle future generazioni.
  17. Accetto l’esclusione dalla società delle persone anziane, la cui esperienza potrebbe tornarci utile, giacché credo che siamo all’apice della civiltà e che l’esperienza né si condivida né si trasmetta gratuitamente.
  18. Accetto che quotidianamente mi comunichino notizie negative e terrificanti da tutto il mondo affinché possa apprezzare la normalità della nostra condizione e la fortuna di essere nato in occidente. So che il terrore proposto dalla propaganda è solo benefico per noi.
  19. Accetto che militari, capi di Stato e uomini d’affari si riuniscano regolarmente, senza avvisarci, per prendere decisioni che compromettono il proseguo della vita del pianeta.
  20. Accetto di consumare carne bovina, suina ed ovina, trattata con ormoni e alimentata con prodotti modificati geneticamente, questo senza che mi s’avvisi esplicitamente.
  21. Accetto che le coltivazioni OGM s’espandano sull’intero pianeta, permettendo alle multinazionali agroalimentari di brevettare esseri viventi, di guadagnare incredibili fortune e permettendo di lasciargli imporre il loro giogo sull’agricoltura mondiale.
  22. Accetto che le banche finanzino i paesi che vogliano armarsi e combattere, quindi che così scelgano chi muoverà guerra e chi no. Sono cosciente che è meglio finanziare entrambe le fazioni per poter essere sicuro di avere maggiori profitti e che sia necessario prolungare il conflitto stesso per il maggior tempo possibile, col fine di poter espropriare tutte le risorse di un popolo se non potrà restituire i prestiti concessi.
  23. Accetto che le multinazionali s’astengano dall’applicare i progressi sociali dell’occidente nei paesi sfavoriti, considerando che sia già una gran fortuna per loro che li si faccia lavorare. Preferisco quindi che in questi paesi si faccia uso dell’attuale stato normativo che consente di far lavorare bambini in condizioni inumane e precarie. In nome dei diritti dell’uomo e del cittadino, non abbiamo diritto ad esercitare alcun tipo d’ingerenza.
  24. Accetto che i laboratori farmaceutici e l’industria agroalimentare vendano nei paesi sfavoriti prodotti scaduti, o che utilizzino sostanze cancerogene vietate in occidente.
  25. Accetto che il resto del pianeta, sarebbe a dire quattro miliardi d’individui, possa pensare diversamente a patto che non venga a manifestare le sue credenze a casa nostra e soprattutto continuerò a non cercare di spiegare la nostra storia tramite le sue nozioni filosofiche primitive.
  26. Accetto l’idea che esistano solo due possibilità di essere allo stato di natura: preda e cacciatore; ed accetto anche l’idea che se siamo dotati di coscienza e di linguaggio non è certamente per sfuggire a questa brutale condizione, ma per giustificare il fatto che sia così.
  27. Accetto di considerare il nostro passato come una successione ininterrotta di conflitti, di cospirazioni politiche e di volontà egemoniche, credendo che ciò faccia parte solo del passato perché siamo all’apice del nostro stadio evolutivo e perché le regole che reggono il nostro mondo sono la ricerca della felicità e della libertà dei popoli, come sentiamo sempre ripetere nei discorsi politici.
  28. Accetto senza discussioni e considero vera ogni spiegazione proposta per spiegare i misteri della nostra origine ed accetto che la natura abbia impiegato milioni di anni per creare l’essere umano, il cui unico passatempo è la distruzione della sua specie in un istante.
  29. Accetto la ricerca del profitto come fine supremo dell’umanità e l’accumulazione delle ricchezze come suprema forma di realizzazione della vita dell’uomo.
  30. Accetto la distruzione dei boschi e la scomparsa della vita marina e fluviale.
  31. Accetto l’aumento dell’inquinamento industriale e la dispersione nell’ambiente di veleni chimici e di sostanze radioattive.
  32. Accetto l’uso di additivi chimici nei prodotti alimentari, perché sono convinto che se si aggiungono è perché sono utili ed innocui per la mia salute.
  33. Accetto la spietata guerra economica imperversante sul pianeta, anche se immagino che ci condurrà ad una catastrofe senza precedenti.
  34. Accetto questa situazione e suppongo che non possa far nulla per cambiarla o migliorarla.
  35. Accetto di essere trattato da sconfitto perché penso che io non valgo un granché.
  36. Accetto di non proporre e di non propormi alcun dubbio, di chiudere gli occhi su tutto ciò e di non formulare nessuna vera opposizione, perché sono troppo occupato a vivere ed a risolvere i miei problemi.
  37. Accetto di difendere questo contratto fino alla morte anche se nessuno me lo chiederà.
  38. Accetto dunque definitivamente nel mio profondo questa matrice triste che mi si sta presentando davanti agli occhi voltandomi di fronte alle ingiustizie ed ai crimini inerenti al sistema al fine di astenermi dal vedere la realtà delle cose.

So che tutti agiscono per il mio bene e per quello di tutti e per questo vi ringrazio.

Firmato io sottoscritto/a

Altri articoli in questo blog…

Disperatamente tutti contro i social

2017.01.09

Disperatamente tutti contro i social
Parlare dei problemi serve a capire, confrontarsi serve a conoscere le idee degli altri, perché nessuno qui è nato con le risposte, tantomeno con le soluzioni ...leggi ancora...

censura come metodo educativo

2016.11.14

censura come metodo educativo
Quando la censura viene utilizzata come metodo educativo, fa crescere dei sospetti, perché all'orizzonte appare l'ombra del dogma. Se è vero che la scienza si pone continuamente domande, invero la religione ha già tutte le risposte. ...leggi ancora...

Civiltà possibili: Equazione di Drake

2016.09.19

Civiltà possibili: Equazione di Drake
Quante civiltà potrebbero essersi evolute nella nostra Galassia? Ottimisti e pessimisti a confronto. ...leggi ancora...

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]

2016.07.22

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]
Molti dei ragionamenti che sento avvinghiarsi nei discorsi da bar e da social, sulla politica cittadina, si riassumono spesso con: "tutti i politici sono dei ladri!", "quelli della minoranza non propongono mai nulla! ...leggi ancora...

Foresta e albero: il perché li odiamo non si sa

2016.06.01

Circa 5.000 anni fa, avessimo avuto satelliti puntati sul nostro pianeta, qualunque punto avessimo guardato sarebbe stato prevalentemente verde, esclusi i poli, deserti, ghiacciai e rocce odierni compresi.
Ariminum - Rimini - così A Rimirare il mare - era ricoperta di alberi fino quasi ad Arcione, luogo meraviglioso finalmente sgombro da fusti alti e foresta impenetrabile, adatto a far riposare i cavalli - Disarcione - Riccione - luogo di sabbie perenni e non ancora adatto alla crescita di fitte foreste ma solo di Pini Marittimi. ...leggi ancora...

Homo Sapiens

2015.09.19

Homo Sapiens
Quando poi questi homo sapiens cresceranno, ditegli pure che qui non li volete e che devono restare là, a casa loro. Là, dove ti scannano se ti rifiuti di cedere la tua terra, per la nuova miniera da cui si estraggono minerali rari ma necessari a costruire gli iPad, i Nokia o i Samsung fighi che volete a Natale. Là, dove manca l'acqua e quindi anche l'agricoltura, ma dove c'è il petrolio per la tua auto e tutta la tua plastica. ...leggi ancora...

Casa DIY: fatevela da soli!

2015.08.03

Casa DIY: fatevela da soli!
Una casa DIY [Do It Yourself, letteralmente "Fattela da Solo"] è un progetto che consente di acquisire conoscenza di base per auto-costruirsi una casa modulare, espandibile, pronta per l'uso dopo la coibentazione e l'arredo. Esistono diverse soluzioni di questo tipo per costruirsi una casa in modo più o meno impegnativo, ma quando tanti anni fa sono capitato su questa pagina, ho scoperto un architetto molto geniale, che ha abbinato vecchia consapevolezza a nuova tecnologia e un pizzico di genio misto ad ironia. Basti sapere che i disegni originali del progetto - passo dopo passo [1,2,3,4,5,6] - sono fatti a mano come fumetti e comprendono persino i costi delle viti. ...leggi ancora...

Momento

2015.04.04

Momento
C'è quel momento nella vita. Arriva prima o poi. Non sai cos'è, perché, né da dove viene. ...leggi ancora...

Risposte a Legambiente

2014.09.29

Risposte a Legambiente
Durante l'incontro con la candidata presidente dell'Emilia Romagna, Giulia Gibertoni, avvenuto a Bologna sabato scorso 27 settembre, è stato chiesto a tutti i candidati con esperienze ambientali di offrire una serie di risposte, articolate e puntuali, sui temi di ambiente e territorio, in modo da fornire a Legambiente gli elementi necessari per comprendere le intenzioni del MoVimento 5 Stelle sul programma della Regione Emilia-Romagna. La lettera era destinata a tutti i gruppi candidati alle regionali dell'Emilia-Romagna del prossimo 23 novembre. Mi sono attivato subito e questo è il risultato che ho poi inviato a Giulia Gibertoni. ...leggi ancora...

Le Biomasse sono sicure?

2014.09.27

Le Biomasse sono sicure?
A proposito degli impianti a biomasse: "Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma" Partendo non si sa da dove nella legge di conservazione della massa e travisando per intero il principio di Lavoisier appena citato, la normativa vorrebbe che gli impianti a biomasse non generassero assolutamente particolato [PM] o biossido [NO2]. MA CIÒ È SCIENTIFICAMENTE IMPOSSIBILE. ...leggi ancora...

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia

2014.09.26

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia
Introduzione Nella letteratura scientifica internazionale si osserva un crescente interesse all'inquinamento dell'aria indotto dall'uso energetico di biomasse. Se nel biennio 1994-96 risultavano pubblicati solo 9 articoli con queste parole chiave, nel biennio 2004-2006 le pubblicazioni risultavano essere 101 e dal 2007 ad oggi gli articoli pubblicati che trattano questi argomenti sono già 131. Questo fatto è sicuramente legato al crescente interesse nell'uso di biomasse a scopo energetico, tradizionale nei paesi in via di sviluppo, ma in rapida crescita anche in paesi sviluppati (Svezia, Canada, Australia.. ...leggi ancora...

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista

2014.09.25

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista
Diamo uno sguardo alla campagna elettorale per le primarie. Il candidato “alternativo” della sinistra per le elezioni 2014 della regione ER, usa l’inceneritore e l'ambiente come leva per la campagna elettorale. Ma non è una sorpresa per nessuno. ...leggi ancora...

La candidatura

2014.09.15

La candidatura
Ho appena finito di caricare il video su youtube. Il testo l'ho pensato ieri sera, un amico fidato [che ringrazio] lo ha espanso questa mattina, poi ho cooptato un altro amico al volo [che ringrazio] per il cavalletto video a cui abbiamo montato il telefono e il microfono "prolungato" che ho saldato ieri sera riciclando delle vecchie cuffie per telefono, infine nel pomeriggio ho provveduto a montare il video con le slide con il mio fidato computer... ed ecco il risultato. ...leggi ancora...

Piano Regionale Rifiuti 2014-2020

2014.09.15

Presentazione del Piano Regionale Rifiuti della regione Emilia Romagna 2014-2020
Presentazione del Piano Regionale Rifiuti 2014-2020 della regione Emilia Romagna con Alberto Bellini, Michele Morri, Domenica Spinelli, Stefano Monti. ...leggi ancora...

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]

2014.09.14

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]
Incenerire conviene ancora? A quante pare in Italia ancora si. Ma come mai in Italia conviene ancora costruirli mentre all'estero li dismettono? ...leggi ancora...

Un singolo essere umano non fa il cambiamento

2014.07.30

Un singolo essere umano non fa il cambiamento
Non possiamo ‪‎cambiare‬ il ‪‎mondo‬, possiamo cambiare il nostro posto al mondo. È la quantità di persone che cambiano a definire che il mondo è diverso. Un singolo essere umano non fa il cambiamento, lo avvia solamente. ...leggi ancora...

Siete sporchi se vi serve l’avvallo dell’opinione pubblica

2014.07.25

Siete sporchi se vi serve l’avvallo dell’opinione pubblica
Negli anni ho imparato a non fidarmi delle immagini, perché è facile manipolarle, perché l'11 settembre 2001, perché Saddam e le armi chimiche di distruzione di massa, perché Guantanamo e le sevizie ai carcerati, perché Hiroshima e Nagasaki, perché ci raccontavano che l'olocausto non esisteva e ancora per molti non è mai stato vero, perché ci sono altri 500 motivi come questi, tipo il Boeing che sorvolava l'Ucraina e che incredibilmente ancora non è chiaro come sia caduto, così ancora immagini strazianti di guerra in Africa: Siria, Israele e Palestina dove i più coinvolti sono i bambini ed i civili. Mi chiedo perché devono mostrarci queste foto e quell'indignazione. ...leggi ancora...

una fetida marmaglia

2013.11.14

una fetida marmaglia
- ekko kazzo, hanno kiuso il cocco, adesso dove troviamo la roba, diokane! - dai! non t'abbattere ke ciarrimediamo kosì: ...leggi ancora...

2 pensieri su “il contratto

Rispondi