d’amore

Guardo e non vedo, sento e non capisco
manchi da poco tempo che sembra un’eternità
qualche fotografia è la mia consolazione.
Cambio panorama cercando l’abbaglio del sole
mi lascio abbandonare ed eccoti ancora li
cerco un sano palliativo e trovo il tuo viso
vorrei un placebo e penso ai tuoi capelli
dedico il tempo a qualcosa che occupi la mente
mi serro a concentrarmi ed ecco il tuo sguardo
cambio idee e pensieri per poi ritrovarti
mi volto a pensare e tutto esiste nel mio cuore
la mia cura sei sempre e solamente tu.
Fa male da morire saperti così lontana da me
la distanza aiuta a soffrire meglio, forse di più.
Sono solo anche in mezzo alla folla senza di te
qualcosa che non ti descriva veramente non c’è
vedo il tuo nome in qualunque frase io legga
se mi distraggo posso pronunciare il tuo nome.
Ciò che ci divide sarà un solo punto di vista
magari invece un intero libro di arguti perché
ma se non vai via, scoprirai che l’amore è qui.
A che punto sono? Cosa sto cercando dentro di te?
L’amore e l’ho già trovato.
Quel poco che so di te mi è sufficiente
ma non ho paura di conoscere il resto
la prossima volta che sentirò la tua voce piangerò
perché proprio ora mi manca da impazzire
se dovessi sentirti cantare probabilmente morirei.
La tua dolcezza è la mia consolazione ora
i miei ricordi conducono tutti verso un centro
provo emozioni che parlano di noi, cantano di te
chiuso nel castello penso intensamente…
Sei il viaggio da cui non si torna mai più
sei un raggio di sole nella notte glaciale
sei l’oasi verde nel deserto dei più bei pensieri
sei il posto dove ho lasciato il mio cuore
sei contenuto e contenitore del mio amore.
I miss you, I love you, nothing other.

Rispondi