critiche e disprezzo

A parte il detto chi disprezza compra… sono certo che il contrario dell’amore non sia l’odio ma l’indifferenza.
Indi per cui, se una persona ti critica profondamente significa che sta dimostrando un certo interesse nei tuoi confronti e forse vuole aiutarti, tanto più interesse quando più la critica è insistente. Le critiche superficiali quindi, che possono dimostrare pochezza ed invidia, sono anche un piccolo modo di interessarsi.
Ciò vuol dire che, nella mente di questa persona, tu significhi qualcosa e meriti una parola. Sarebbe peggio il contrario no, non avere nessuno che ti critica. Come faremmo altrimenti a valutare il nostro operato? Come potremmo pensare di avere dei veri amici, se a questi andasse tutto bene di noi? In quale modo avremmo la certezza di sapere che qualcuno ci vuole bene?
Inoltre non tutti sono capaci allo stesso modo di esternare le proprie emozioni, qualcuno potrebbe criticarci solo per farci sapere che ci pensa, inconsapevolmente certo, ma è il pensiero che conta, il motivo, non l’atto o il gesto.

Meglio un nemico attivo, in cui specchiarsi, che qualcuno che NON ti considera in alcun modo.
Si dice, a buon titolo, che le critiche sono costruttive, ritengo che sia una assoluta verità.
Certo, la persona che mette in atto una critica è desiderosa di un cambiamento da parte tua, vuole che tu cambi. Non è certamente esclusivo amore nei tuoi confronti, perlomeno non l’amore devoto, è molto più probabilmente amore per se stesso, amore della stessa persona che muove la critica ed una piccola parte di interesse nei tuoi confronti. Ma prova a valutare se questo suo bene che si vuol fare non porti poi dei vantaggi anche a te, o al vostro stare insieme. Come detto prima, comunque questa critica contiene sempre un interesse, infatti quale pazzo muoverebbe una critica verso qualcosa che gli è completamente alieno, verso qualcosa che non lo interessa.
Non molto diverse sono le critiche in un rapporto di convivenza civile tra 2 persone, sposate o meno. Quando queste critiche appaiono dal nulla, bisogna saper prendere “in saccoccia” il vero motivo e fare in modo di risolvere al più presto la questione. A nulla vale rimandare ed anzi si rischia di peggiorare la situazione. Se le critiche sono invece motivate… bé ancor meglio bisogna tentare di risolverle immediatamente. Onesti con se stessi e zitti.
Diverso il discorso è per il disprezzo, si potrebbe pensare, ma come accennato all’inizio se disprezziamo qualcuno diciamo a noi stessi “che peccato che questa persona si comporti così”. Stiamo quindi criticando un modo di fare e di essere che non ci piace e vorremmo che fosse diverso. Se a questo facciamo seguire l’indifferenza, stiamo pensando che proprio non ne vale la pena perché con questa persona non c’è una condivisione di interessi tale da motivare il rapporto, ma ogni nostro tentativo di criticare, anche con disprezzo, pure se con accanimento, portano con sè un relativo interesse per questa persona.

«Una volta, due monaci, Tanzan e Ekido, stavano attraversando un torrente quando scorsero una bella ragazza in kimono e sciarpa di seta che cercava, senza riuscirci, di fare altrettanto. Tanzan, senza pensarci, la prese in braccio e la portò dall’altra parte. Ekido non disse nulla finchè quella sera non ebbero raggiunto un tempio dove passare la notte. Allora non potè più trattenersi.
Noi monaci non avviciniamo le donne – disse a Tanzan – e meno che meno quelle giovani e carine. É pericoloso. Perché l’hai fatto?- Lo rimproverò.
Io quella ragazza l’ho lasciata laggiù sulla riva – disse Tanzan. – Tu invece la stai ancora portando con te.
Impara ad affrontare le tentazioni ed i desideri, non reprimerli e vai incontro ad essi con apertura e spirito compassionevole, solo così potrai affrontarli.»

Questa simpatica storia “simbolizza” una caratteristica tipica di noi essere umani; siamo fulminei, a volte, nel giudicare il nostro prossimo e perentori nel condannarlo. Lo facciamo basandoci sull’aspetto, sulla condizione economica, sulle persone che frequenta, giudicando un atteggiamento, un’azione ed in molti altri modi che ora non sto qui ad elencare. La cosa sorprendente è che ogni volta che giudichiamo, e questo vale per tutti, lo facciamo avendo noi stessi i medesimi difetti se non, addirittura, avendone di peggiori. É sufficiente un breve esame di coscienza per rendersene conto. Tuttavia, questo consolidato modo di fare non è senza conseguenze per chi lo mette in pratica; cambia il modo in cui i presenti percepiscono il soggetto che “giudica” e lui stesso perde forza a livello interiore, che ne sia cosciente o no.
Detto questo, le parole di Katharine Hepburn che seguono, tendono ad avvalorare quanto sopra e ad incentivare un sano cambiamento:

Ci insegnano ad attribuire la colpa al padre, alle sorelle, ai fratelli, alla scuola, ai maestri, ma non a noi stessi. Non è mai colpa nostra. Invece, è sempre colpa nostra, perché se desideriamo cambiare è da noi che dobbiamo cominciare.

Altri articoli in questo blog…

città consapevoli e brutte abitudini

2017.04.17

città consapevoli e brutte abitudini
Certo, tutte quelle macchine rendono un po' ridicola la città, ma mai quanto alcuni dei suoi occupanti una volta scesi ...leggi ancora...

Il grande inganno degli elettroni

2017.04.07

entanglement degli elettroni
Nella fisica quantistica la correlazione degli elettroni [entanglement quantistico o correlazione quantistica], sarà, nel prossimo futuro, una profonda delusione per gli studiosi che ancora oggi hanno difficoltà a capirne le dinamiche. ...leggi ancora...

Siamo tutti Pietre Preziose

2017.03.26

Siamo tutti Pietre Preziose
Siamo tutti come i diamanti, pietre preziose, perfette creazioni da sopravvivenza, capolavori della natura, peccato per quell’illimitato senso dell’orgoglio e altre deviazioni standard, che inceppano il centro di controllo di questa macchina imperfetta, che non ci fanno apprezzare il mondo e l’universo per quello che è. ...leggi ancora...

Disperatamente tutti contro i social

2017.01.09

Disperatamente tutti contro i social
Parlare dei problemi serve a capire, confrontarsi serve a conoscere le idee degli altri, perché nessuno qui è nato con le risposte, tantomeno con le soluzioni ...leggi ancora...

censura come metodo educativo

2016.11.14

censura come metodo educativo
Quando la censura viene utilizzata come metodo educativo, fa crescere dei sospetti, perché all'orizzonte appare l'ombra del dogma. Se è vero che la scienza si pone continuamente domande, invero la religione ha già tutte le risposte. ...leggi ancora...

Civiltà possibili: Equazione di Drake

2016.09.19

Civiltà possibili: Equazione di Drake
Quante civiltà potrebbero essersi evolute nella nostra Galassia? Ottimisti e pessimisti a confronto. ...leggi ancora...

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]

2016.07.22

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]
Molti dei ragionamenti che sento avvinghiarsi nei discorsi da bar e da social, sulla politica cittadina, si riassumono spesso con: "tutti i politici sono dei ladri!", "quelli della minoranza non propongono mai nulla! ...leggi ancora...

Foresta e albero: il perché li odiamo non si sa

2016.06.01

Circa 5.000 anni fa, avessimo avuto satelliti puntati sul nostro pianeta, qualunque punto avessimo guardato sarebbe stato prevalentemente verde, esclusi i poli, deserti, ghiacciai e rocce odierni compresi.
Ariminum - Rimini - così A Rimirare il mare - era ricoperta di alberi fino quasi ad Arcione, luogo meraviglioso finalmente sgombro da fusti alti e foresta impenetrabile, adatto a far riposare i cavalli - Disarcione - Riccione - luogo di sabbie perenni e non ancora adatto alla crescita di fitte foreste ma solo di Pini Marittimi. ...leggi ancora...

Homo Sapiens

2015.09.19

Homo Sapiens
Quando poi questi homo sapiens cresceranno, ditegli pure che qui non li volete e che devono restare là, a casa loro. Là, dove ti scannano se ti rifiuti di cedere la tua terra, per la nuova miniera da cui si estraggono minerali rari ma necessari a costruire gli iPad, i Nokia o i Samsung fighi che volete a Natale. Là, dove manca l'acqua e quindi anche l'agricoltura, ma dove c'è il petrolio per la tua auto e tutta la tua plastica. ...leggi ancora...

Casa DIY: fatevela da soli!

2015.08.03

Casa DIY: fatevela da soli!
Una casa DIY [Do It Yourself, letteralmente "Fattela da Solo"] è un progetto che consente di acquisire conoscenza di base per auto-costruirsi una casa modulare, espandibile, pronta per l'uso dopo la coibentazione e l'arredo. Esistono diverse soluzioni di questo tipo per costruirsi una casa in modo più o meno impegnativo, ma quando tanti anni fa sono capitato su questa pagina, ho scoperto un architetto molto geniale, che ha abbinato vecchia consapevolezza a nuova tecnologia e un pizzico di genio misto ad ironia. Basti sapere che i disegni originali del progetto - passo dopo passo [1,2,3,4,5,6] - sono fatti a mano come fumetti e comprendono persino i costi delle viti. ...leggi ancora...

Momento

2015.04.04

Momento
C'è quel momento nella vita. Arriva prima o poi. Non sai cos'è, perché, né da dove viene. ...leggi ancora...

Risposte a Legambiente

2014.09.29

Risposte a Legambiente
Durante l'incontro con la candidata presidente dell'Emilia Romagna, Giulia Gibertoni, avvenuto a Bologna sabato scorso 27 settembre, è stato chiesto a tutti i candidati con esperienze ambientali di offrire una serie di risposte, articolate e puntuali, sui temi di ambiente e territorio, in modo da fornire a Legambiente gli elementi necessari per comprendere le intenzioni del MoVimento 5 Stelle sul programma della Regione Emilia-Romagna. La lettera era destinata a tutti i gruppi candidati alle regionali dell'Emilia-Romagna del prossimo 23 novembre. Mi sono attivato subito e questo è il risultato che ho poi inviato a Giulia Gibertoni. ...leggi ancora...

Le Biomasse sono sicure?

2014.09.27

Le Biomasse sono sicure?
A proposito degli impianti a biomasse: "Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma" Partendo non si sa da dove nella legge di conservazione della massa e travisando per intero il principio di Lavoisier appena citato, la normativa vorrebbe che gli impianti a biomasse non generassero assolutamente particolato [PM] o biossido [NO2]. MA CIÒ È SCIENTIFICAMENTE IMPOSSIBILE. ...leggi ancora...

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia

2014.09.26

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia
Introduzione Nella letteratura scientifica internazionale si osserva un crescente interesse all'inquinamento dell'aria indotto dall'uso energetico di biomasse. Se nel biennio 1994-96 risultavano pubblicati solo 9 articoli con queste parole chiave, nel biennio 2004-2006 le pubblicazioni risultavano essere 101 e dal 2007 ad oggi gli articoli pubblicati che trattano questi argomenti sono già 131. Questo fatto è sicuramente legato al crescente interesse nell'uso di biomasse a scopo energetico, tradizionale nei paesi in via di sviluppo, ma in rapida crescita anche in paesi sviluppati (Svezia, Canada, Australia.. ...leggi ancora...

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista

2014.09.25

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista
Diamo uno sguardo alla campagna elettorale per le primarie. Il candidato “alternativo” della sinistra per le elezioni 2014 della regione ER, usa l’inceneritore e l'ambiente come leva per la campagna elettorale. Ma non è una sorpresa per nessuno. ...leggi ancora...

La candidatura

2014.09.15

La candidatura
Ho appena finito di caricare il video su youtube. Il testo l'ho pensato ieri sera, un amico fidato [che ringrazio] lo ha espanso questa mattina, poi ho cooptato un altro amico al volo [che ringrazio] per il cavalletto video a cui abbiamo montato il telefono e il microfono "prolungato" che ho saldato ieri sera riciclando delle vecchie cuffie per telefono, infine nel pomeriggio ho provveduto a montare il video con le slide con il mio fidato computer... ed ecco il risultato. ...leggi ancora...

Piano Regionale Rifiuti 2014-2020

2014.09.15

Presentazione del Piano Regionale Rifiuti della regione Emilia Romagna 2014-2020
Presentazione del Piano Regionale Rifiuti 2014-2020 della regione Emilia Romagna con Alberto Bellini, Michele Morri, Domenica Spinelli, Stefano Monti. ...leggi ancora...

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]

2014.09.14

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]
Incenerire conviene ancora? A quante pare in Italia ancora si. Ma come mai in Italia conviene ancora costruirli mentre all'estero li dismettono? ...leggi ancora...

4 pensieri su “critiche e disprezzo

  1. allora ti critico io 😉 con la confidenza che abbiamo avuto noi due è inutile che mi chiami per cognome, oltretutto minuscolo, dandomi comunque del tu. Per il resto fai come credi, ti puoi astenere o commentare con una critica, e per non fartela fare ti dico anche ‘sarei molto felice di riceverla’. 😀

Rispondi