batterie esauste

In un lontano passato, provvedendo all’acquisto di un nuovo pacco batterie per le mie apparecchiature elettroniche, che fossero per il mouse wireless, per una radiolina portatile, per un modellino telecomandato o la radiosveglia, andavo nel negozio, mi dirigevo al distributore di batterie e prendevo il tipo che più mi piaceva.
Punto, nessuna possibile valutazione, se non gusto e necessità. Forse influiva la pubblicità, forse le precedenti esperienze, comunque nella mia ingenuità prendevo le batterie e una volta esaurite le buttavo.
Oggi non è più così, innanzitutto sono certo che non influisce più la pubblicità, poi importante, le batterie le compro solo ed esclusivamente ricaricabili, una volta esaurite controllo che siano completamente esauste, se con un residuo di carica le lascio finire e sostituisco solo quelle veramente scariche.

batterie esauste batterie esauste batterie esauste
batterie esauste raccolte nel tempo per essere depositate negli appositi contenitori di smaltimento o consegnate nelle oasi ecologiche


Poi ho scoperto una cosa interessante: dotandomi di un tester per batterie, ho potuto verificare che le batterie che stavo per buttare non erano completamente scariche, o perlomeno non tutte allo stesso modo. In pratica, alcune di queste, erano talmente residue di carica che potevo usarle ancora una volta. Questo fatto, divenuto una costante, ha cominciato ad insospettirmi sul corretto uso delle batterie da parte delle apparecchiature elettroniche, sull’informazione a proposito dell’uso di queste ed anche del tipo di tecnologia.
In seguito a questa constatazione ho iniziato a testare anche le batterie nuove. Con grande disappunto ho verificato che quelle che compravo non erano esattamente della stessa potenza che riportava la confezione. Così ho cambiato marca, ancora e ancora, per scoprire sempre che non erano mai della potenza dichiarata e pubblicizzata sulla confezione.

Riporto qui di seguito un resoconto comparativo delle marche, comparate tra quelle acquistate negli anni, per futura memoria e per permettere ad altri di evitare/confrontare tutta la sequela di analisi comparative fatte qui. I risultati evidenziano che una batteria dichiarata di potenza X è in realtà molto meno carica ed essendo comune a tutti i produttori ritengo la cosa dannosa da parte di una categoria, loro, nei confronti dei consumatori, noi.
Per replicare l’analisi è sufficiente una batteria ed un comune tester da elettricista. I risultati sotto parlano da soli. Se rilevate differenze con i vostri campionamenti o se volete fornirmeli, sarò felice di aggiungere i risultati: dotarsi degli strumenti di rilevamento non è ne difficile ne costoso, le batterie da testare sono decine di tipi, le AA, le AAA, le torcia e mezza torcia, ecc., essere consapevoli non ha prezzo.

Mi scusino i produttori di batterie ma, come è possibile vedere dall’immagine qui sotto, utilizzare batterie anonime non avrebbe reso alcunché… se la vostra intenzione è rivalervi su di me per quanto scritto posso dire che da alcuni anni è entrata in vigore una normativa sulla pubblicità comparativa, che serve proprio per tutelare i consumatori e migliorare la qualità dei prodotti al solo ed esclusivo vantaggio degli utilizzatori stessi. Chiaramente non sto facendo pubblicità, ma la mia valutazione comparativa può essere utile ugualmente ai consumatori per intendere quale prodotto sia migliore alle sue necessità. Molto meglio della pubblicità, molto male per i vostri accordi.

Marche di Batterie e capacità verificata Watt-Ora mAh Minuti
Energizer 2300  10.49  2162  140.9 
Powerex 2300  10.24  2105  136.7 
Uniross 2300  10.01  2119  141.8 
Powerex 2200  9.79  2019  131.5 
Sanyo 2100  9.66  2013  131.8 
Rayovac 2000  9.57  1955  126.3 
Rayovac 2000  8.12  1650  104.6 
Uniross 2100  9.41  1867  124.0 
Powerex 2000  9.04  1856  120.5 
Nexcell 2100  9.00  1886  126.9 
Nexcell 2000  8.91  1861  122.8 
Sanyo 1850  8.89  1841  123.2 
Energizer 1850  8.88  1827  121.7 
GP 2000  8.86  1845  121.5 
Kodak 1850  8.84  1813  120.5 
Jetcell 1850  8.81  1815  121.0 
GE/Sanyo 1850  8.79  1823  119.4 
Panasonic 1950  8.65  1822  121.3 
Quest 1800  8.56  1760  117.2 
Powerex 1800  8.46  1726  112.0 
Nexcell 1800  8.32  1737  114.5 
Lenmar 2000  8.28  1754  117.4 
Ansmann 1800  8.27  1714  115.0 
Duracell 1800  8.21  1707  112.0 
GP 1800  8.21  1690  112.6 
Sony 1750  8.17  1683  112.1 
LenMar 1800  8.14  1669  110.8 
Energizer 1700  8.01  1646  109.4 
Kodak 1700  8.01  1667  112.3 
Sanyo 1700  7.91  1643  109.8 
Olympus 1700  7.84  1631  107.3 
Powerex 1700  7.79  1618  109.0 
iPowerUS 2100  7.77  1850  106.8 
Sanyo 1600  7.67  1564  103.1 
Powerizer 1800  7.66  1555  102.1 
Kodak 1600  7.56  1569  105.4 
Digipower 1600  7.52  1540  101.9 
Radio Shack 1600  7.49  1537  102.0 
Powerex 1600  7.44  1527  101.3 
Rayovac 1600  7.31  1479  100.0 
Yuasa 1600  7.12  1465  97.6 
Panasonic 1600  7.10  1457  96.9 
GP 1600  6.83  1428  96.5 
Sunpak 1600  6.53  1330  87.4 
Panasonic (Alkaline)  3.66  774  56.0 
Duracell Ultra (Alkaline)  3.66  781  57.0 
Energizer (Alkaline)  3.55  756  55.0 
   

I test sono stati eseguiti in più occasioni, con diversi tester, mediando i risultati, su kit da 4 o più batterie e da persone diverse. Ragion per cui si può escludere la casualità, un tester difettoso, il terremoto, le cavallette, il diluvio. 🙂 Sarei comunque felice di ricevere altri test fatti da persone sconosciute e pubblicarli per tutti gli altri che verranno… grazie in anticipo per l’eventuale sbattimento.

Alla domanda “quale batteria scegliere?” non esiste una risposta vera e propria, esiste una affermazione unica: forse la batteria del che stai per gettare non è completamente scarica e, in futuro, potresti utilizzarla per il telecomando o per l’orologio a parete in ufficio. Per il resto buoni acquisti, anche se comprare in questa società non deve essere il nostro solo ed unico scopo.

Altri articoli in questo blog…

Disperatamente tutti contro i social

2017.01.09

Disperatamente tutti contro i social
Parlare dei problemi serve a capire, confrontarsi serve a conoscere le idee degli altri, perché nessuno qui è nato con le risposte, tantomeno con le soluzioni ...leggi ancora...

censura come metodo educativo

2016.11.14

censura come metodo educativo
Quando la censura viene utilizzata come metodo educativo, fa crescere dei sospetti, perché all'orizzonte appare l'ombra del dogma. Se è vero che la scienza si pone continuamente domande, invero la religione ha già tutte le risposte. ...leggi ancora...

Civiltà possibili: Equazione di Drake

2016.09.19

Civiltà possibili: Equazione di Drake
Quante civiltà potrebbero essersi evolute nella nostra Galassia? Ottimisti e pessimisti a confronto. ...leggi ancora...

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]

2016.07.22

come funziona la [proposta] Politica [in minoranza]
Molti dei ragionamenti che sento avvinghiarsi nei discorsi da bar e da social, sulla politica cittadina, si riassumono spesso con: "tutti i politici sono dei ladri!", "quelli della minoranza non propongono mai nulla! ...leggi ancora...

Foresta e albero: il perché li odiamo non si sa

2016.06.01

Circa 5.000 anni fa, avessimo avuto satelliti puntati sul nostro pianeta, qualunque punto avessimo guardato sarebbe stato prevalentemente verde, esclusi i poli, deserti, ghiacciai e rocce odierni compresi.
Ariminum - Rimini - così A Rimirare il mare - era ricoperta di alberi fino quasi ad Arcione, luogo meraviglioso finalmente sgombro da fusti alti e foresta impenetrabile, adatto a far riposare i cavalli - Disarcione - Riccione - luogo di sabbie perenni e non ancora adatto alla crescita di fitte foreste ma solo di Pini Marittimi. ...leggi ancora...

Homo Sapiens

2015.09.19

Homo Sapiens
Quando poi questi homo sapiens cresceranno, ditegli pure che qui non li volete e che devono restare là, a casa loro. Là, dove ti scannano se ti rifiuti di cedere la tua terra, per la nuova miniera da cui si estraggono minerali rari ma necessari a costruire gli iPad, i Nokia o i Samsung fighi che volete a Natale. Là, dove manca l'acqua e quindi anche l'agricoltura, ma dove c'è il petrolio per la tua auto e tutta la tua plastica. ...leggi ancora...

Casa DIY: fatevela da soli!

2015.08.03

Casa DIY: fatevela da soli!
Una casa DIY [Do It Yourself, letteralmente "Fattela da Solo"] è un progetto che consente di acquisire conoscenza di base per auto-costruirsi una casa modulare, espandibile, pronta per l'uso dopo la coibentazione e l'arredo. Esistono diverse soluzioni di questo tipo per costruirsi una casa in modo più o meno impegnativo, ma quando tanti anni fa sono capitato su questa pagina, ho scoperto un architetto molto geniale, che ha abbinato vecchia consapevolezza a nuova tecnologia e un pizzico di genio misto ad ironia. Basti sapere che i disegni originali del progetto - passo dopo passo [1,2,3,4,5,6] - sono fatti a mano come fumetti e comprendono persino i costi delle viti. ...leggi ancora...

Momento

2015.04.04

Momento
C'è quel momento nella vita. Arriva prima o poi. Non sai cos'è, perché, né da dove viene. ...leggi ancora...

Risposte a Legambiente

2014.09.29

Risposte a Legambiente
Durante l'incontro con la candidata presidente dell'Emilia Romagna, Giulia Gibertoni, avvenuto a Bologna sabato scorso 27 settembre, è stato chiesto a tutti i candidati con esperienze ambientali di offrire una serie di risposte, articolate e puntuali, sui temi di ambiente e territorio, in modo da fornire a Legambiente gli elementi necessari per comprendere le intenzioni del MoVimento 5 Stelle sul programma della Regione Emilia-Romagna. La lettera era destinata a tutti i gruppi candidati alle regionali dell'Emilia-Romagna del prossimo 23 novembre. Mi sono attivato subito e questo è il risultato che ho poi inviato a Giulia Gibertoni. ...leggi ancora...

Le Biomasse sono sicure?

2014.09.27

Le Biomasse sono sicure?
A proposito degli impianti a biomasse: "Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma" Partendo non si sa da dove nella legge di conservazione della massa e travisando per intero il principio di Lavoisier appena citato, la normativa vorrebbe che gli impianti a biomasse non generassero assolutamente particolato [PM] o biossido [NO2]. MA CIÒ È SCIENTIFICAMENTE IMPOSSIBILE. ...leggi ancora...

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia

2014.09.26

Problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’uso di biomasse quali fonti di energia
Introduzione Nella letteratura scientifica internazionale si osserva un crescente interesse all'inquinamento dell'aria indotto dall'uso energetico di biomasse. Se nel biennio 1994-96 risultavano pubblicati solo 9 articoli con queste parole chiave, nel biennio 2004-2006 le pubblicazioni risultavano essere 101 e dal 2007 ad oggi gli articoli pubblicati che trattano questi argomenti sono già 131. Questo fatto è sicuramente legato al crescente interesse nell'uso di biomasse a scopo energetico, tradizionale nei paesi in via di sviluppo, ma in rapida crescita anche in paesi sviluppati (Svezia, Canada, Australia.. ...leggi ancora...

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista

2014.09.25

La campagna elettorale delle primarie vista da un ambientalista
Diamo uno sguardo alla campagna elettorale per le primarie. Il candidato “alternativo” della sinistra per le elezioni 2014 della regione ER, usa l’inceneritore e l'ambiente come leva per la campagna elettorale. Ma non è una sorpresa per nessuno. ...leggi ancora...

La candidatura

2014.09.15

La candidatura
Ho appena finito di caricare il video su youtube. Il testo l'ho pensato ieri sera, un amico fidato [che ringrazio] lo ha espanso questa mattina, poi ho cooptato un altro amico al volo [che ringrazio] per il cavalletto video a cui abbiamo montato il telefono e il microfono "prolungato" che ho saldato ieri sera riciclando delle vecchie cuffie per telefono, infine nel pomeriggio ho provveduto a montare il video con le slide con il mio fidato computer... ed ecco il risultato. ...leggi ancora...

Piano Regionale Rifiuti 2014-2020

2014.09.15

Presentazione del Piano Regionale Rifiuti della regione Emilia Romagna 2014-2020
Presentazione del Piano Regionale Rifiuti 2014-2020 della regione Emilia Romagna con Alberto Bellini, Michele Morri, Domenica Spinelli, Stefano Monti. ...leggi ancora...

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]

2014.09.14

Incenerimento: non è la strada giusta [nel resto del mondo]
Incenerire conviene ancora? A quante pare in Italia ancora si. Ma come mai in Italia conviene ancora costruirli mentre all'estero li dismettono? ...leggi ancora...

Un singolo essere umano non fa il cambiamento

2014.07.30

Un singolo essere umano non fa il cambiamento
Non possiamo ‪‎cambiare‬ il ‪‎mondo‬, possiamo cambiare il nostro posto al mondo. È la quantità di persone che cambiano a definire che il mondo è diverso. Un singolo essere umano non fa il cambiamento, lo avvia solamente. ...leggi ancora...

Siete sporchi se vi serve l’avvallo dell’opinione pubblica

2014.07.25

Siete sporchi se vi serve l’avvallo dell’opinione pubblica
Negli anni ho imparato a non fidarmi delle immagini, perché è facile manipolarle, perché l'11 settembre 2001, perché Saddam e le armi chimiche di distruzione di massa, perché Guantanamo e le sevizie ai carcerati, perché Hiroshima e Nagasaki, perché ci raccontavano che l'olocausto non esisteva e ancora per molti non è mai stato vero, perché ci sono altri 500 motivi come questi, tipo il Boeing che sorvolava l'Ucraina e che incredibilmente ancora non è chiaro come sia caduto, così ancora immagini strazianti di guerra in Africa: Siria, Israele e Palestina dove i più coinvolti sono i bambini ed i civili. Mi chiedo perché devono mostrarci queste foto e quell'indignazione. ...leggi ancora...

una fetida marmaglia

2013.11.14

una fetida marmaglia
- ekko kazzo, hanno kiuso il cocco, adesso dove troviamo la roba, diokane! - dai! non t'abbattere ke ciarrimediamo kosì: ...leggi ancora...

Rispondi